Televisione Featured

After losing to Obama, what should Mitt Romney do next? After losing to Obama, what should Mitt Romney do next?

TELEVISIONE


Il termine “ televisione “ entra in uso nel 1931 con la parola inglese “ television “ , coniata dal prefisso greco “ tele “ che vuol dire “ a distanza “ e dal vocabolo latino “ video “ “ vedere “ , ovvero indica il sistema che permette di vedere trasmissioni di contenuti visivi ( come immagini ) e contenuti sonori ( come canzoni per le sigle , dialoghi ,…) a distanza attraverso onde radio o via cavo , fruibili in diretta oppure posticipate , a utenti collocati in aree geografiche di varie parti del mondo e in tutto il mondo poiché dotati di apparecchi elettronici chiamati televisori. Il termine televisione fu stabilito il 10 marzo 1947 durante la conferenza mondiale delle radiocomunicazioni di Atlantic City in cui parteciparono i delegati di 60 nazioni ,che stabilirono anche il termine abbreviato TV .
Il primo televisore venne costruito dall’inventore scozzese Jhon Logie Baird agli inizi degli anni trenta del millenovecento destinato , solo in principio , ad un pubblico facoltoso che dal 1929 poteva guardare le prime trasmissioni televisive divulgate dalla BBC ( British Broadcasting Company nata nel 1922 divenuta la più grande e autorevole società radiotelevisiva dell’Inghilterra con sede a Londra ) .
In Italia vengono trasmessi i primi servizi televisivi e radiofonici nel 1954 grazie alla RAI
( Radiotelevisione Italiana ) , in regime di monopolio pubblico e sotto il controllo del governo .
La messa in onda dei primi programmi televisivi era un servizio divulgato in alcune fasce orarie del giorno generalmente nel pre-serale per permettere agli italiani di svolgere i propri doveri giornalieri quali lo studio , il lavoro o il riposo (TV festiva ) ; con il passare del tempo si passa a una concorrenza di programmi trasmessi in tutte le ore del giorno (TV feriale) e dal monopolio si passa al duo polio con il subentro di Fininvest ( poi Mediaset ) e con nuovi canali e reti televisive private , si passa dunque dal raro evento televisivo sempre tanto atteso ad una vasta scelta di programmi e canali. Inizialmente era importante il gradimento dei programmi che venivano realizzati , prodotti e divulgati, oggi invece il fattore che viene tenuto in maggior considerazione è rappresentato dagli indici di ascolto che stabilisce appunto in un mercato fortemente concorrenziale il gradimento massimo o migliore/i . All’origine la forma del televisore era dalle dimensioni imponenti , in legno ,le immagini erano in bianco e nero ( fino agli anni ’70 anno in cui giunge il colore ) e la visione era collettiva : cinema o luoghi di aggregazione . Siamo a metà degli anni ’50 e in Italia si vive il boom economico : produttività e ricchezza crescono velocemente , i centri urbani si popolano le abitudini e gli stili di vita degli italiani migliorano notevolmente grazie anche alla nascita e allo sviluppo della televisione definita come una finestra sul mondo che permette di diffondere immagini e saperi fino ad allora ignorati e sconosciuti a tutti e per tutti e la televisione diventa parte integrante della vita familiare . Si parlano ancora tante lingue locali , i dialetti , dovuto alla forte analfabetizzazione , nasce così il bisogno patriottico e morale di unire l’Italia anche da questo punto di vista , così la televisione assume il fondamentale ruolo pedagogico , culturale e unificatore attraverso la divulgazione della lingua italiana con lezioni impartite da veri insegnanti , permettendo così a tutti gli italiani di sentirsi veramente italiani . Il primo programma educativo fu realizzato con la collaborazione del Ministero della Pubblica Istruzione e curato dai maestri Alberto Manzi e Carlo Piantoni dal titolo “ Non è mai troppo tardi “ che insegnano agli italiani a leggere e a scrivere ,almeno fino al 1968 anno in cui aumenta la frequenza alla scuola dell’obbligo . La trasmissione ebbe l’enorme merito di alfabetizzare oltre un milione e mezzo di italiani al punto che l’idea piacque così tanto che il programma venne realizzato e prodotto in ben altri 72 paesi del mondo . La televisione diventa un fenomeno di portata storica sociale . E’ il medium di comunicazione più conosciuto e adoperato al mondo e se usato correttamente può essere uno strumento di enormi capacità educative e positive basta anche semplicemente pensare all’aggiornamento continuo e costante di tutte le novità che accadono nel mondo . La televisione ha permesso è permette anche di sognare di dare spazio alla fantasia ma anche di realizzare alcuni sogni . La televisione trasmette programmi divertenti come le candid camera , programmi di servizio , scientifici ovvero informativi, istruttivi e culturali e tanti altri generi ancora , oggi di voga sono i reality show dunque la televisione è tra i mass.media ( mezzo di comunicazione di massa ) più importanti e versatile che esistano .

 

 

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

back to top

Sections

Shows

Local News

Tools

About Us

Follow Us

×

Concediti un occasione

Una concreta onesta opportunità nel mondo dello spettacolo.

Check out our Privacy Policy & Terms of use
You can unsubscribe from email list at any time